Dordogna – Périgord

La Dordogna è conosciuta in tutto il mondo per i siti preistorici, i borghi medievali, i vigneti rigogliosi e la gastronomia d'eccezione, rinomata e raffinata.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze
Cerca

La Dordogna è un dipartimento della regione francese Nuova Aquitania.

Il dipartimento della Dordogna è chiamato anche con il suo vecchio nome: Périgord. Questa denominazione risale all’epoca romana e rappresentava l’antica provincia, designando un territorio più vasto dell’attuale Dordogna. Durante la creazione dei dipartimenti, nel periodo della Rivoluzione Francese, la Dordogna venne così chiamata grazie al nome del fiume principale che lo attraversa.

Oggi, Périgord e Dordogne sono sinonimi e designano lo stesso territorio, legati ai valori di autenticità a cui sono legati gli abitanti. In generale oggi il Périgord evoca più i vini e la gastronomia mentre la Dordogna è più associata alla natura, al verde, alle attività all’aria aperta.

La Dordogna vanta un eccezionale patrimonio preistorico e dopo Parigi, è il dipartimento francese con il più alto numero di monumenti e siti storici, 15 dei quali classificati patrimonio mondiale dell’UNESCO. Inoltre custodisce una moltitudine di villaggi medievali e almeno 1000 castelli, i mulini ad acqua e vallate lussureggianti famose per i paesaggi pittoreschi.

Cosa vedere in Dordogna

Ricco di storia, il territorio della Dordogna è una popolare destinazione francese per le vacanze o per un lungo weekend a caccia di castelli possenti, di lussureggianti spazi verdi, di vigneti e di curiosità naturali.

Castello di Beynac

1Route du château, 24220 Beynac-et-Cazenac, Francia (Sito Web)

Il castello fortificato di Beynaz è il più autentico del Périgord: una fortezza feudale emblematica, eretta dal 1115 sulla sua cima rocciosa che domina la Dordogna.

Dal rigore difensivo del suo mastio del XII secolo allo scalone rinascimentale, passando per il Palazzo di Stato del XV secolo, la cucina del XIII secolo e il barbacane, il suo eccezionale stato di conservazione vi offre un viaggio indimenticabile nel cuore del Medioevo.

Tra cielo e terra, da una prigione sotterranea, a 152 metri sopra il villaggio di Beynac, vivrete una vista indimenticabile sulla magnifica valle dei 5 castelli.

La Roque Gageac

224250 La Roque-Gageac, Francia

A soli 12 km da Sarlat, vi aspetta una visita unica in uno dei borghi più belli di Francia. Con le sue tegole marroni, i suoi tetti pittoreschi, il suo fascino d’altri tempi e i suoi paesaggi mozzafiato, una passeggiata nel villaggio di La Roque-Gageac è un momento indimenticabile.

Il colpo d’occhio del villaggio affacciato sul placido corso del fiume Dordogna, con le sue case dorate, è assolutamente imperdibile.

I giardini del Maniero di Eyrignac

3Eyrignac, 24590 Salignac-Eyvigues, Francia (Sito Web)

Con i suoi giardini di fiori, Eyrignac è ​​un gioiello del Périgord Noir, vicino a Sarlat. Intorno al maniero del XVII secolo, si estende il giardino alla francese, dove il gioco delle prospettive e la maestria della natura mettono in mostra arabeschi di bosso, fontane zampillanti, specchi d’acqua, tappeti erbosi e la collezione di piante scultoree potate a mano dai giardinieri di Eyrignac.

Un’atmosfera completamente diversa, rurale, intima e colorata, quella che regna nel Jardin des Sources. La passeggiata termina nel White Rose Garden, con le sue ghirlande di fiori e aiuole, che offre una vista unica sui paesaggi della Dordogna.

Périgueux

Capitale della Dordogna, Périgueux si trova a circa un’ora da Sarlat e dai principali siti e monumenti del Périgord. La sua posizione offre ai visitatori piacevoli passeggiate sulla greenway tracciata lungo le sue sponde.

Conosciuta soprattutto per la sua straordinaria cattedrale di Saint-Front, questa città etichettata come Città d’Arte e di Storia, possiede un eccezionale patrimonio storico e architettonico e vi riporterà addirittura all’epoca gallo-romana, con i resti dell’antica Vesunna.

Sarlat-la-Canéda

Sarlat è in assoluto una delle città medievali meglio conservate di Francia. Con i 66 monumenti storici, Sarlat ha un’altissima densità di edifici storici e medievali, che si snodano lungo le sue strade acciottolate dai muri di pietra bionda.

Mentre passeggiate per i vicoli medievali, osservate la ricchezza architettonica dei suoi monumenti, tutti da fotografare. Questa città d’arte e di storia è anche la prima area protetta in Francia ad essere stata restaurata grazie alla legge Malraux del 1962.

Per la sua bellezza antica e autentica, dal 1928 famosi cineasti hanno deciso di utilizzare le ambientazioni medievali di Sarlat come location per le riprese di molti film cult come Giovanna d’Arco nel 1998 diretta da Luc Besson o Il patto dei lupi di Christophe Grams, solo per citarne alcuni.

Bergerac

La città di Bergerac si trova a metà strada tra Sarlat e Bordeaux, sulle rive della Dordogna. Deve la sua forza al commercio dei suoi vini, conosciuti in tutto il mondo, come nel caso del Monbazillac, un vino dolce che si sposa perfettamente con il foie gras del Périgord.

Il notevole patrimonio storico e architettonico della città le è valso il titolo di Capitale del Périgord Viola con l’etichetta di Città d’Arte e di Storia, una tappa obbligata durante un soggiorno in Dordogna.

Nel cuore della città, passeggiando tra i vicoli e le piazze arriverete sicuramente in Place Pélissière, dove si trova la famosa statua di Cyrano de Bergerac, il protagonista della celebre commedia/tragedia teatrale del 1897, opera del poeta drammatico francese Edmond Rostand.

Castello di Castelnaud

724250 Castelnaud-la-Chapelle, Francia (Sito Web)

Il castello fortificato di Castelnaud, classificato Monumento Storico nel 1966, è costruito su uno sperone roccioso e offre un magnifico panorama sulla valle della Dordogna.

Dal 1985 ospita il Museo della Guerra nel Medioevo. Una collezione di armi e armature, riproduzioni a grandezza naturale di macchine da guerra (mangoneau, trabucco, couillard, pierrière, pettorina) vi introdurrà all’arte della guerra nel Medioevo e ad alcuni aspetti della vita dei signori di Castelnaud, con il giardino di ispirazione medievale e il sotterraneo arredato.

Grotte e pitture rupestri di Lascaux

8Avenue de Lascaux, 24290 Montignac-Lascaux, Francia (Sito Web)

Classificato come monumento storico, Lascaux è uno dei siti preistorici più notevoli d’Europa grazie alle eccezionali condizioni di conservazione delle sue rappresentazioni parietali risalenti al 15.000 a.C: raffigurano cavalli, tori, cervi e molti simboli antichi.

A seguito dei danni irreversibili causati dal turismo di massa nella grotta originaria, una ricostruzione chiamata Lascaux 2 ha aperto le sue porte al grande pubblico nel 1983. Una mostra itinerante internazionale (Lascaux 3) completa il tutto con le parti della grotta non riprodotte da Lascaux 2.

Oggi, il fedelissimo Lascaux 4 permette di ammirare tutte le opere presenti nella grotta originaria. È un vero e proprio viaggio nel tempo attraverso le tradizioni e l’arte preistorica, un facsimile che riproduce il 90% dei dipinti, realizzato ad hoc per preservare la grotta originale e ripristinare le condizioni favorevoli alla sua conservazione.

Da non perdere una passeggiata a Montignac, cittadina ricca di fascino ai margini della Vézère, con le rovine di un imponente castello feudale, che domina un dedalo di stradine medievali dove scoprire belle residenze.

Grotta di Proumeyssac

© Dordogne Tourism

La più grande grotta del Périgord porta il dolce soprannome di Cattedrale di cristallo. Questa enorme grotta sotterranea è popolata da straordinarie cristallizzazioni che vi lasceranno ricordi indimenticabili.

Un’illuminazione grandiosa rende questa cavità e le sue pareti una delle cose più mozzafiato da fare in Dordogna. Potrete scegliere di fare una visita guidata di 45 minuti o scoprire la voragine scendendo dentro una cesta come un vero speleologo.

Castello di Biron

10Château de, 24540 Biron, Francia (Sito Web)

Ai confini del Périgord Viola, il castello di Biron sorveglia dal suo promontorio le grandi foreste circostanti, 7 km a sud della città fortificata di Monpazier.

Sede di una delle quattro baronie del Périgord, questa vasta fortezza appartenuta alla famiglia Gontaut-Biron per otto secoli, ha subito molteplici modifiche dal XII al XVII secolo.

Durante la visita ammirerete il mastio, che nel Medioevo custodiva il confine con l’Agenais allora sotto la dominazione inglese, gli edifici costruiti nel Rinascimento, con le bifore e le snelle torrette e la cappella a due piani. Il clou della visita è senza dubbio la cucina a volta settecentesca, imponente con i suoi 22 metri di lunghezza.

Perfettamente conservato, il castello di Biron ha fatto da location per le riprese di numerosi film.

Abbazia di Cadouin

11Pl. de l'Abbaye, 24480 Le Buisson-de-Cadouin, Francia (Sito Web)

Situata nel sud del Périgord, l’abbazia di Cadouin è classificata come patrimonio mondiale dell’UNESCO ed è una tappa del Cammino di Compostela.

Gli edifici oggi accessibili ai visitatori presentano due diverse architetture: il romanico nella chiesa e il gotico fiammeggiante nel chiostro ricostruito alla fine del XV secolo.

Il chiostro Cadouin è un capolavoro: porte cesellate, pilastri, chiavi di volta e capitelli scolpiti, sede abbaziale in pietra con gallerie in stile gotico fiammeggiante e in stile rinascimentale che si aprono su un giardino interno attraverso campate traforate.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

I colori della Dordogna

Il Périgord è diviso in quattro parti, 4 zone turistiche, ciascuna caratterizzata da un colore legato alle specificità del suo patrimonio naturale locale.

Il Perigord Nero si trova nel sud-est del dipartimento ed è chiamato così per la presenza di una grande concentrazione di lecci molto scuri, che danno al paesaggio un bel colore ombroso. Culla della preistoria, ricco di siti del Medioevo e del Rinascimento, è noto per Sarlat-la-Canédat ma anche Les Eyzies, Montignac e villaggi molto visitati. Questo Périgord è ricco di mille vestigia da scoprire, preferibilmente in bassa stagione perché la stagione estiva è particolarmente affollata, al limite del percorribile.

Il Perigord Bianco è una una striscia che si allunga da est a ovest, comprende Periguex e deve il suo nome al bianco della pietra calcarea locale, molto utilizzata nella scultura. Nota per la gastronomia (anatra e oca grassa), la zona si distingue per Périgueux, la città principale della Dordogna, ma anche Savignac-les-Eglises, Montpon, Sorges, Saint-Astier, Neuvic e Mussidan. Meno boscosa degli altri, questa zona è relativamente agricola ed è irrigata dall’Auvézère, dall’Isle, dal Double e dal Dronne.

Il Perigord Verde è la zona nord ed è chiamata così per la sua vegetazione lussureggiante, per la presenza di corsi d’acqua e di foreste che fanno anche parte del Parco Naturale Regionale del Périgord-Limosino.

Il Périgord Viola, si trova nel sud-ovest, nel dipartimento della città di Bergerac, e prende il nome dal colore delle foglie delle vigne in autunno.

I vigneti della Dordogna

La Strada del Vino è una rete di domini e castelli uniti per farvi scoprire la vite, i vini di Bergerac e Duras, la professione di viticoltore ma anche la cultura, il patrimonio e l’arte di vivere nel Périgord.

I viticoltori della Route des Vins si impegnano a darvi la migliore accoglienza nelle loro proprietà. A tal fine hanno sottoscritto una gradita carta della qualità che vi garantisce la possibilità di degustare vini direttamente nelle tenute, con ben 13 denominazioni.

La Strada del Vino comprende anche numerosi eventi durante tutto l’anno presso i vignaioli locali. Attraverso la scoperta di 130 domini e castelli che vi apriranno le porte, potrete vivere un viaggio fra natura, panorama gourmet, degustazioni e feste.

Come arrivare in Dordogna

Per la sua posizione incastonata fra varie regioni francesi, la Dordogna è raggiungile in aereo dagli scali più vicini, dopo aver noleggiato un’auto: l’aeroporto di Bordeaux dista circa 120 km, l’aeroporto di Lione 400 km, l’aeroporto di Tolosa 280 km, mentre gli aeroporti di Parigi circa 500 km.

In alternativa, una volta atterrati potrete prendere i treni, sfruttando la rete TGV e regionale: Parigi a 4 ore e 15 minuti, Bordeaux a 1 ora e 15 minuti, Tolosa a 3 ore e Lione a 5 ore.

Dove si trova

La Dordogna si trova in Nuova-Aquitania, a soli 120 km da Bordeaux.

Alloggi Dordogna – Périgord
Cerchi un alloggio in zona Dordogna – Périgord?
Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Dordogna – Périgord
Verifica disponibilità