Tour dei Castelli della Loira, itinerario consigliato

Vi proponiamo un itinerario di 12 giorni nella Valle della Loira, un tour in auto alla scoperta dei castelli più scenografici e delle città più pittoresche.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

La Valle della Loira è un viaggio consigliato a tutti gli amanti dell’arte, della storia e della cultura francese: fra città medievali, castelli rinascimentali e cattedrali gotiche, farete un viaggio indietro nel tempo.

La maggior parte dei turisti intraprende un itinerario dei castelli della Loira in auto, di solito partendo da Parigi. Infatti molti scelgono di abbinare la visita della capitale francese, con la scoperta dei castelli più famosi della Loira, che si raggiungono facilmente dalla Ville Lumiere.

Se invece avete poco tempo a disposizione, potrete scegliere un tour organizzato che, ottimizzando i tempi di trasferimento, vi porterà a visitare il meglio della Valle della Loira e dei suoi castelli.

Itinerario in auto dei Castelli della Loira

Il modo più rapido per raggiungere la Valle della Loira è quello di prendere un volo per Parigi atterrando agli aeroporti di Parigi Orly o Parigi-Charles de Gaulle. Da qui, dopo aver noleggiato un’auto, potrete iniziare il vostro itinerario dei castelli della Loira, partendo da una prima tappa di avvicinamento.

Un’alternativa, compatibilmente con i voli, potrebbe essere quella di atterrare a Parigi e ripartire dall’aeroporto di Nantes: in questo modo non dovrete tornare indietro al punto di partenza, guadagnando tempo e ottimizzando il viaggio.

Giorno 1: Chartres e Orleans

La prima tappa nel tour dei castelli della Loira è l’imponente cattedrale gotica di Chartres1 , una delle più maestose di tutta la Francia. Dopo aver ammirato il suo eccezionale portale, finemente scolpito, e le sue immense vetrate colorate, vi consigliamo un giro per il centro storico medievale, che si divide fra città alta e città bassa, lungo il fiume.

Nel pomeriggio si arriva a Orléans2, la città natale di Giovanna d’Arco. Visitate la sua meravigliosa cattedrale in gotico fiammeggiante e poi concentratevi sul cuore storico della città, passeggiando per le vie caratteristiche, curiosando fra murales e pittoresche case a graticcio.

Giorno 2: castello di Chambord e castello di Cheverny

In circa un’ora si raggiunge l’attrazione più visitata e significativa di tutta la Valle della Loira, il Castello di Chambord3. Scenografica e maestosa, la tenuta di caccia di Francesco I incanta i visitatori con la sua incredibile armonia architettonica, la scalinata a doppia elica di Leonardo da Vinci e le terrazze panoramiche. Tutti i fasti del Rinascimento condensati in un unico castello. Mettete in conto una mattinata intera per visitarlo.

La seconda tappa della giornata è il Castello di Cheverny4: lussuoso, sfarzoso ed elegante, questo maniero luccicante per la sua pietra bianca, ha ispirato il fumettista belga Hergé per creare il castello di Moulinsart, citato nel suo famoso fumetto Tintin. Da non perdere anche i suoi cinque incantevoli giardini a tema.

Giorno 3: Blois e castello di Chenonceau

La mattinata è interamente dedicata alla visita del Castello di Blois5, che racchiude il meglio dell’architettura francese nelle varie epoche: infatti le sue quattro facciate rappresentano i diversi periodi e stili, che si sono succeduti nella sua costruzione. Lasciato il castello, esplorate il centro di Blois6, con l’eclettica Casa della Magia e la Scalinata Denis Papin.

Il Castello di Chenonceau7 vi occuperà la restante parte della giornata: i suoi incredibili giardini e la lunga galleria sul fiume Cher vi lasceranno senza parole. Il castello delle donne è una vera meraviglia per gli occhi, soprattutto nel periodo delle fioriture.

Giorno 4: Amboise

L’incantevole Amboise8 merita una giornata intera: infatti, oltre al sontuoso Castello di Amboise9, con le sue terrazze panoramiche affacciate sulla Loira, non perdetevi la visita del Maniero di Clos-Lucé, dove Leonardo da Vinci trascorse gli ultimi anni della sua vita, mettendo il suo genio creativo al servizio della corte di Francesco I.

Se avete tempo, potrete anche visitare il Maniero di Chateau-Gaillard e la Pagoda Chanteloup, a pochi chilometri dalla città.

Giorno 5: Tours e castello di Villandry

Questa giornata è dedicata in parte all’esplorazione della storica cittadina di Tours10: un’atmosfera vivace e frizzante si unisce alla bellezza dei suoi quartieri storici medievali, ricchi di colorate case a graticcio.

A pochi chilometri si trova anche il Castello di Villandry11: gli appassionati di botanica rimarranno a bocca aperta davanti a uno dei giardini all’italiana più belli ed elaborati di tutta Francia. Prendetevi tutto il tempo necessario per ammirarli con calma e senza fretta.

Giorno 6: castello di Azay le Rideau, castello di Ussé e castello di Chinon

Nel giro di pochi chilometri potrete visitare 3 manieri stupendi: il Castello di Azay-le-Rideau12, piccolo e incantevole, che si specchia sull’acqua, il Castello di Ussé13, famoso per aver ispirato il racconto de La bella addormentata nel bosco e il Castello di Chinon14, una vera e propria fortezza militare che domina la città.

Potete concludere la giornata, girovagando per i pittoreschi vicoli medievali di Chinon15, che scendono ripidi dal promontorio del castello.

Giorno 7: Saumur e le grotte trogloditiche

Arrivando nella deliziosa cittadina di Saumur16, attraverserete gli incantevoli paesaggi di questa valle, tappezzati di vigneti.

Dopo aver aver visitato la città e il suo castello, potreste dedicare del tempo a esplorare le grotte trogloditiche, una rete di gallerie sotterranee che si snodano per chilometri. Oppure visitare il castello di Brissac o il castello di Brézé.

Giorno 8: Angers

La vivace città di Angers17 coniuga perfettamente tradizione e modernità. Molte sono le attrazioni da visitare, primo fra tutti il Castello di Angers18, una massiccia ed imponente fortezza medievale con 17 torri, alte 50 metri.

Il castello conserva un gioiello artistico di ineguagliabile bellezza: l’arazzo dell’Apocalisse, una tela lunga 140 metri che narra Apocalisse secondo San Giovanni, attraverso un racconto medievale di formidabile vivacità.

Giorno 9 e 10: Nantes

Vi consigliamo di dedicare 2 giorni alla vivace e fantasiosa città di Nantes19. Culla di arte e di cultura, Nantes coniuga perfettamente la sua anima storica con la vocazione artistica e il suo passato industriale. Il risultato? Una città sorprendente, capace di incantare con il Castello dei duchi di Bretagna, le atmosfere alla Jules Vernes, cui ha dato i natali, con gli animali meccanici dell’Isola di Nantes e le opere d’arte disseminate per tutto il centro storico.

Giorno 11: Bourges

Nel viaggio di ritorno verso Parigi, una tappa intermedia perfetta da inserire è la città di Bourges20: questa incantevole cittadina medievale vi lascerà senza parole, per la sua maestosa cattedrale e per il centro storico perfettamente conservato, ricco di palazzi antichi e colorate case a graticcio.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

Tour di gruppo da Parigi

Se non avete un’auto e magari poco tempo a disposizione ma volete comunque un assaggio delle bellezze della Valle della Loira, potrebbe essere una buona idea quella di aggregarsi a dei tour organizzati con partenza da Parigi. Di seguito alcune proposte.