Bretagna

Côtes d’Armor

La Côtes d’Armor è famosa per la fiabesca costa di granito rosa, per i suoi villaggi medievali come Dinan e gli scorci naturali mozzafiato tra cui Cap Fréhel.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Questo tratto di costa meravigliosa è caratterizzato da una splendida e rigogliosa natura che potrete ammirare nelle meravigliose riserve ornitologiche situate sull’Île de Bréhat e sulle Sept-Îles.

Oppure l’incanto fiabesco della Côte de Granit Rose, una vera e propria armonia di colori e di forme che sembra uscita direttamente da un libro illustrato di favole per grandi e piccini.

Ma soprattutto sarete ammaliati dalla bellezza dalle località portuali, dalle stazioni balneari, dalle cittadine medievali e da incantevoli villaggi di pescatori, dove si respira un’autentica atmosfera di tradizioni e di un passato conservato gelosamente.

Perros-Guirec e la Costa di granito rosa

La costa di granito rosa si estende per circa 16 km dalla città di Trébeurden a Perros-Guirec, attraversando 4 comuni (Trébeurden, Pleumer-Bodou, Trégastel e Perros-Guirec).

E’ uno dei più famosi e suggestivi, ideale per le famiglie che viaggiano con bambini per dedicarsi delle giornate all’aria aperta sul mare. Le sue caratteristiche colorazioni rosa e le morbide forme accompagnano insenature verdissime e vivaci stazioni balneari.

D’estate ovviamente è presa d’assalto dai turisti ma potrete trovare angoli più riparati e silenziosi come le Sept-Iles.

Dinan

Dinan, borgo arroccato sul fiume Rance e degradante fino al mare, è uno dei più belli di tutta Francia con le sue stradine acciottolate, le case a graticcio dal fascino medievale, i suoi bastioni e le chiatte che ammiccano lungo le banchine della città vecchia.

E’ un’esperienza unica passeggiare nei vicoli assaporando tutta la sua bellezza medievale, curiosando fra place des Cordieliers e place de Merciers, la torre dell’orologio, la torre Sainte-Cathérine dalla cui sommità si gode di una vista spettacolare, i chiostri del convento o la basilica Saint-Sauveurs. Tra i tanti angoli pittoreschi vi consigliamo la discesa da rue Jerzual e rue diu Petit Fort e non dimenticate di fare un giro sulle mura.

Anche il porto ha un grande fascino, qui potrete riposarvi in qualche caffè all’aperto o fare un giro in barca lungo il fiume, un modo originale per ammirare la città e fare splendide foto.

Se capitate qui nel mese di luglio allora non perdetevi la Fête des Remparts, in cui gli abitanti della città di vestono in stile medievale e danno vita a rievocazioni storiche, giostre, teatro, sfilate e antichi mercati. Questo avvenimento si svolge ogni 2 anni.

Cap Fréhel

3Cap Fréhel, Francia (Sito Web)

Battuto dalla forza dei venti e del mare questo tratto di costa è tra i più affascinanti della regione e quando il cielo è limpido, nelle terse giornate di sole, l’acqua diventa color smeraldo e si può vedere perfino il Cotantin in Normandia. La bellezza della costa è accentuata dai prati ricoperti di ginestre e fiori selvatici e dai due fari che la fanno da custodi.

Ci sono più di 70 sentieri percorribili ma noi vi consigliamo quello che arriva a Forte la Latte, residuo della seconda guerra mondiale, da cui si gode una vista spettacolare sulla baia.
Da non perdere anche una visita al faro dei primi del ‘900: se avrete voglia di salire i suoi 145 gradini potrete ammirare un panorama senza eguali.

Questa zona è particolarmente indicata per gli amanti del birdwatching.

Paimpol

Questo pittoresco porto è il punto di partenza per esplorare questo tratto di costa e per scoprire tutto sulla storia della pesca locale.

Il Musée de la mer è l’occasione per conoscere da vicino la vita marinara con foto, oggetti originali e attrezzatura d’epoca, mentre per una gita originale potete prendere un trenino sferragliante, le Vapeur du Trieux, una locomotiva a vapore degli anni ’20 che porta a Pontrieux.

Da non perdere anche la visita dell’Abbaye de Beauport un’antica abbazia del 1200, immersa in una splendida natura.

Vi consigliamo infine di fare un’escursione a piedi al Sillon de Talbert, una curiosa lingua di sabbia che si protende nel mare per 10 km, riserva naturale protetta dove nidificano specie rare.

Erquy

Se amate le capesante allora dovete fare un salto a Erquy, il primo porto della Bretagna e il luogo migliore per assaggiare le coquilles Saint-Jacques. Si mangiano fritte, burro e aglio, arrosto, in umido o al vino: un vero paradiso per il palato!

A 6 km dal villaggio potrete visitare il meraviglioso Château de Bienassis circondato da un bellissimo giardino e dove si tengono feste e rievocazioni medievali.

Per riposarvi in una località balneare elegante potete recarvi a Pléneuf-Val-André luogo privilegiato per le vacanze nella belle epoque e ricco di ville art decò e spiagge rinomate.

Vi consigliamo una visita al mercato del pesce o di partecipare alla Fête de la Coquille Saint-Jacques che si tiene ogni 2 anni ad aprile.

Dal porto parte una bellissima passeggiata che porta a Cap d’Erquy una riserva naturale con spettacolari scogliere di arenaria rosa e la meravigliosa spiaggia di Caroual.

Tréguier

Questo meraviglioso village de caractére è uno dei più suggestivi della Bretagna, conservando tutto il fascino di capitale vescovile della zona. Il suo centro storico va percorso a piedi, gironzolando fra le stradine medievali intorno alla cattedrale alla scoperta di antiche case in granito o a graticcio.

Il capolavoro dell’architettura gotica bretone, Saint-Tugdual, la cui costruzione durò ben 150 anni, richiama la cattedrale di Chartre per la sua magnificenza ed eleganza. La sua peculiarità sono i 4 diversi tipi di pietra (scisto, pietra di caen, granito rosa e granito grigio) che cambiano forma, colore e volume a seconda delle variazioni di luce. Da visitare anche il magnifico chiostro.

Se volete provare l’esperienza di assistere a un pardon, quello di Saint-Yves è uno dei più famosi della Bretagna e si tiene la terza domenica di maggio e inizia con una processione che porta il teschio del santo.

Per una deviazione interessante spingetevi fino a Plougrescant dove la torre della chiesa pende in maniera molto simile a quella di Pisa.

Binic

Gli amanti del mare potranno rilassarsi nelle spiagge o nei caffè di questa cittadina dal passato marinaro. Infatti da qui i pescatori affrontavano le insidie dell’Atlantico e dell’Islanda per pescare il merluzzo.

Da non perdere la Morue en fête dedicata proprio al merluzzo. Per ammirare le scogliere meravigliose della zona basta imboccare il sentiero che porta a Pointe de Plouha.

Infine, se avete tempo per una piccola deviazione, spingetevi fino a Kermaria dove la terza domenica di settembre si tiene un famoso pardon e dove c’è la Chapelle de Kermaria-en-Iskuit con l’affresco macabro in cui la morte guida una processione di mortali.

Léhon

Il piccolo villaggio di Léhon, situato nella pittoresca valle del Rance, conserva cimeli storici e religiosi che ricordano il suo ruolo importante in epoca medievale.

Ad attrarre i visitatori sono soprattutto l’abbazia benedettina Sainte-Magloire, fondata nel IX secolo dal re di Bretagna Nominoë, il castello costruito nel XII secolo sul promontorio che domina il ponte, e le antiche case del villaggio che insieme ai giardini fioriti e all’atmosfera d’altri tempi conferiscono a questo villaggio un aspetto delizioso e autentico.

Il ponte di Lehon è poeticamente adagiato sulle sponde della Rance e immerso nel verde: potrete fare splendide fotografie dalle due sponde del fiume.

Dell’antico castello di Lehon, risalente al 1034, non rimane molto ma domina ancora il villaggio con tutta la sua imponenza.

Moncontour

Orgogliosamente aggrappata a uno sperone roccioso alla confluenza di due piccoli fiumi, Moncontour-de-Bretagne è ancora circondata da imponenti mura del XIII e XIV secolo.

Qui il tempo sembra essersi fermato al medioevo: rigogliosi boschi che circondano il villaggio, giardini fioriti di antiche case in granito, bellissime insegne in ferro battuto che indicano arti e mestieri, qui il silenzio è il re, in netto contrasto con la turbolenta storia di questa formidabile roccaforte di Penthièvre che ha affrontato molti attacchi.

Questo piccolo borgo è davvero delizioso e merita una visita durante le tante feste medievali che qui animano e fanno rivivere il villaggio.

Île-de-Bréhat

Gli amanti della natura e delle escursioni non si perderanno l’occasione di raggiungere questa splendida isola dalle rocce rosate di granito.

Grazie al clima decisamente più mite rispetto alla terraferma qui la natura è rigogliosa e lussureggiante e potrete ammirare palme, piante esotiche, mimose ed eucalipti mentre le sue coste sono punteggiate di piccoli atolli e scogli abitate da foche e uccelli marini raggiungibili a piedi con la bassa marea.

Dal momento che queste due isolette collegate con un ponte sono riserva naturalistica, ci si può spostare solo a piedi o in bicicletta per visitare i 3,5 chilometri di lunghezza.

Vi consigliamo di fare il giro che porta prima al Phare du Paon, poi al Phare du Rosédo e alla Chapelle Saint-Michel da cui si gode una splendida vista.

L’unico insediamento è Le Bourg con una piccola cappella e la spiaggia di Guerzido.

Pontrieux

Come molti borghi medievali della Bretagna, Pontrieux deve la sua esistenza e prosperità alla posizione strategica sul fiume Trieux, ideale per la nautica da diporto in tempi moderni, sfruttata alla perfezione dai Vichinghi nell’antichità.

Questo villaggio è decisamente incantevole: con il suo lungo fiume, le barche fiorite, le vecchie case di granito, l’acciottolato antico, la conservazione di costumi e usanze e il suo meraviglioso porto immerso nel verde, Pontrieux vi conquisterà con il suo fascino d’altri tempi.

Da non perdere le case del XVI al XIX secolo in legno, muratura e pietra, la casa chiamata “Torre Eiffel” (XVI secolo), e la fontana di granito (XVIII secolo), così come i 50 lavatoi fioriti.
Di notte vengono organizzati giri su barche illuminate che danno vita a un vero e proprio percorso illuminato. Infine in estate è attivo il treno a vapore Pontrieux – Paimpol.

Saint-Cast-le-Guildo

Il mare della Bretagna è particolamente suggestivo e per dedicarsi qualche ora alla vita da spiaggia, vento permettendo, potete fermarvi nelle meravigliose 7 spiagge sabbiose di Saint-Cast-le-Guildo ideali per crogiolarsi al sole.

Ma questo adorabile villaggio è anche il punto di partenza per diverse escursioni a piedi: prendendo il sentiero GR34 potete o raggiungere il ventoso Pointe de Garde o dirigervi verso il Pointe Saint-Cast da cui ammirerete la baia di Fresnaye e Cap Fréhel.

Saint-Brieuc

Questa placida cittadina affacciata sul mare non è una meta imperdibile della Bretagna ma può essere un valido punto per una sosta in spiaggia o per ammirare lo spettacolo delle barche in secca. Da non perdere La cattedrale Saint-Etienne e le case medievali, fra cui spicca la Maison Ribault, una delle più antiche della Bretagna.

Da qui partono numerosi sentieri per stupende passeggiate in mezzo alla natura: cartine presso l’ufficio del turismo.

Lannion

Anche in questa colorata cittadina si respira aria medievale soprattutto nella suggestiva piazza centrale circondata dalle immancabili case a graticcio.

Dopo una bella camminata lungo il fiume potete visitare l’Église de Brélévenez fondata dai Templari: se avrete voglia di salire i 140 gradini, dall’alto della sua torre si ammira uno splendido panorama. Gli amanti della birra bretone possono gustarne alcune versioni al Le Lannionais.

Se avete bambini al seguito e vi trovate di fronte a una brutta giornata potete scegliere di visitare Cosmopolis, un polo con un museo delle comunicazioni, un villaggio gallico ricostruito e il Planetario.

Jugon-les-Lacs

Circondato da un bellissimo lago lungo 4 km, Jugon-les-Lacs è un’oasi in mezzo a un mare di verde.

Il suo patrimonio architettonico, con i suoi palazzi di granito e la piazza centrale, ricorda con orgoglio il passato di Jugon, roccaforte di Penthièvre al tempo dei Duchi di Bretagna.

A soli 20 minuti da Dinan, questa città di arte e storia, è una delle mete turistiche più affascinanti della Bretagna, luogo d’incontro per gli amanti della natura e della storia. Le sue ville in granito e il meraviglioso ambiente naturale ne fanno la cornice perfetta per un soggiorno di charme.

Quintin

L’antica città fortificata di Quintin è ricca di monumenti storici e vanta un incredibile patrimonio di architettura urbana, dovuto al cospicuo commercio tessile, in particolare il lino.

Costruita nel cuore della ridente valle del fiume Gouët la città custodisce chicche sia fra i viottoli antichi rimasti intatti nel tempo, sia nel rigoglioso paesaggio circostante, sia nelle fiere tradizioni locali preservate dallo scorrere dei secoli.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

Itinerario nella Côtes d’Armor

Percorso: 200 km | Durata: 3 giorni | Periodo consigliato: giugno/luglio

Questi 3 giorni sono dedicati all’atmosfera medievale, ai promontori rocciosi e alle passeggiate rigeneranti sulle scogliere e sui tratti più suggestivi della regione.

Non dimenticatevi di fermarvi a gustare i frutti di mare freschi con un bel pranzo a base di ostriche.

  1. Dinan
  2. Cap Fréhel e Erquy
  3. Île-de-Bréhat e/o la Côte de Granit Rose

Approfondimenti

Perros-Guirec e la costa di Granito Rosa

Perros-Guirec e la costa di Granito Rosa

Questo magnifico tratto di costa bretone è uno dei più famosi e suggestivi di tutta la regione, con le sue colorazioni rosa e le morbide forme delle sue rocce.
Dinan

Dinan

Le strade acciottolate, il castello e le case a graticcio fanno di Dinan uno dei borghi più pittoreschi di tutta la Bretagna, con la sua incantevole atmosfera medievale.
Jugon-les-Lacs

Jugon-les-Lacs

Roccaforte dei Duchi di Bretagna, Jugon-les-Lacs vanta un ricco patrimonio architettonico, composto da ville in granito e circondato da 300 ettari di vegetazione.